Chiesa Santissimo Sacramento



CHIESA DEL SS. SACRAMENTO

Trattasi di un edificio ecclesiastico con annesso convento, commissionato dall'ordine religioso delle Vittime Espiatrici di Gesù Sacramento, intorno alla fine del XIX sec. Tale edificio trovò giusta ubicazione nel centro urbanistico di Casoria sull'attuale e centralissima via S. Rocco, poco lontana dalla Piazza Principale e della sede del Municipio. Le trattative di acquisto furono iniziate dalla madre fondatrice dell'Ordine nella metà del 1890 e si conclusero due anni dopo, affidando all'ing. Francesco Orefice il compito di progettare e dirigere i lavori. Questi iniziarono il 19 febbraio 1893 e furono conclusi il 1899; l'opera nella sua imponente struttura vuole essere un lapilissiano esempio di rivisitazione in stile gotico, le cui cause sono da ricercarsi nell'ambito dello "storicismo eclettico" e di quel "new gothic" che tanta parte ebbe nella formazione di un non stile "fin de siecle". L'edificio si compone con una planimetria espressa in forma di croce latina a tre navate di cui una centrale e due laterali sulle quali si aprono otto cappelle con i rispettivi altari in marmi policromi; l'invaso interno si conclude in un vasto presbiterio riccamente adornato di stucchi, dove trova giusta collocazione l'altare centrale di chiara ispirazione barocca. La navata centrale presenta una copertura di volte a crociera, riccamente decorate poggianti su di un imponente colonnato. La facciata di pietra tufacea è tripartita in senso longitudinale e trasversale con due ampi contrafforti laterali decorati con archetti pensili. Centralmente vi è un rosone di vetri policromi che funge da punto di rottura con l'impressione di rigore stilistico che permea tutta la facciata. L'annesso monastero include un ampio chiostro, due cori e dei coretti, di indubbio interesse architettonico non praticabili, data la regola claustrale vigente presso l'ordine







Città di Casoria - P.zza Domenico Cirillo
Partita IVA 01505091213 - C.f. 80029310630
informativa sulla privacy
Sito web realizzato da Pubblisiti.it


Bussola della Trasparenza
Accesso civico