La benedizione dei cavalli



"Processione equestre"

Come la tradizione vuole, san Mauro ha una stretta relazione con quello che è definito il più nobile tra gli animali, ma scopriamone il perché ......
Si narra che un cavaliere, transitando nelle vicinanze del luogo dove ora sorge la basilica pontificia, nel tempo in cui pare esistesse una piccola cappella curata da monaci benedettini, fosse stato impedito nell'andare proprio dal suo cavallo, che, ostinatamente, si fermò e non ci fu verso di spronarlo a continuare il cammino; un monaco, allora, accortosi dell'accaduto, chiese al cavaliere se, per caso, portasse indosso qualche reliquia appartenente ad un santo: in realtà il cavaliere era in possesso di un dito di San Mauro ... consegnato il tutto al monaco, il cavallo riprese il suo percorso, docile come non mai: l'evento fu interpretato come il segno della volontà dell'Abate di avere qui, a Casoria, una sua "sede prediletta" : da questo momento in poi hanno avuto origine il culto e la devozione per il santo.
 







Città di Casoria - P.zza Domenico Cirillo
Partita IVA 01505091213 - C.f. 80029310630
informativa sulla privacy
Sito web realizzato da Pubblisiti.it


Bussola della Trasparenza
Accesso civico