Registro delle aree pubbliche e private interessate da abbandono e rogo di rifiuti

Registro delle aree pubbliche e private interessate da abbandono e rogo di rifiuti


Registro delle aree pubbliche e private interessate da abbandono e rogo di rifiuti

Con Legge Regionale n.20 del 09/12/2013, pubblicata sul B.U.R.C. n.70 del 09/12/2013, sono state approvate le "misure straordinarie per la prevenzione e la lotta al fenomeno dell'abbandono e dei roghi di rifiuti". Con questa norma il Legislatore regionale ha inteso riferirsi al trattamento illegale dei rifiuti urbani e speciali effettuato mediante combustione su aree pubbliche e private.

L'Art. 3 della Legge Regionale n.20 del 2013 stabilisce che:

  1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 192 del decreto legislativo 152/2006 in materia di divieto di abbandono e di bonifica di siti contaminati e relative sanzioni previste negli articoli 255, 256 e 257 del medesimo decreto legislativo è istituito, presso ciascun comune della Regione Campania, il registro delle aree interessate da abbandono e rogo di rifiuti.
  2. I comuni provvedono, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ad individuare ed accertare, tramite apposito registro, le aree pubbliche e private interessate dall'abbandono e rogo di rifiuti nell'ultimo quinquennio, avvalendosi tra l'altro dei rilievi effettuati e messi a disposizione dagli organismi amministrativi e di controllo competenti anche a seguito di segnalazioni di singoli cittadini ed associazioni.
  3. Il registro è aggiornato con cadenza semestrale entro il 30 giugno e il 31 dicembre di ogni anno.
  4. L'elenco delle aree individuate è pubblicato per trenta giorni nell'albo pretorio comunale per eventuali osservazioni che sono presentate entro trenta giorni dalla data di pubblicazione.
  5. Decorso il termine indicato nel comma 4 i comuni, nei trenta giorni successivi, esaminate le osservazioni, approvano gli elenchi definitivi e le relative perimetrazioni.
  6. Le aree urbane, rurali e agricole, pubbliche e private, comprese nel registro, non sono destinate ad attività produttiva, edilizia, turistica, agricola, commerciale, fino a quando non è dimostrata, con idonee attestazioni analitiche rilasciate da laboratori accreditati, l'assenza di fattori di pericolo per la salute e l'ambiente.
  7. Le attestazioni di cui al comma 6 sono sottoposte ai controlli e alle verifiche delle Aziende sanitarie locali (ASL) e dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania (ARPAC), senza ulteriori oneri a carico del soggetto obbligato.
  8. In caso di assenza accertata di pericolo per la salute e l'ambiente, il comune procede, in occasione del primo aggiornamento utile, alla cancellazione dell'area dal registro, fermo restando eventuali provvedimenti adottati dall'Autorità giudiziaria.
  9. Il registro e i successivi aggiornamenti sono pubblicati sul sito web istituzionale del comune.
  10. In caso di mancata istituzione e aggiornamento del registro da parte del comune nei termini e nelle modalità indicate, previa formale diffida ad adempiere da parte della Regione e fermo restando le responsabilità previste dalla legislazione vigente, provvede il Sindaco, responsabile in qualità di autorità sanitaria locale.

Con Determina Dirigenziale n. 35 del 11/03/2016 l’ Amministrazione comunale ha istituito il "Registro delle aree pubbliche e private interessate dall'abbandono e dai roghi dei rifiuti", pubblicato in apposita sezione del sito istituzionale  dal competente Servizio Ambiente comunale.

 

 

Files allegati da scaricare


Clicca qui per scaricare il file registro roghi ed abbandoni 2021.pdf 440.05 KB
Clicca qui per scaricare il file registro roghi ED ABBANDONI 2020.pdf 614.66 KB
Clicca qui per scaricare il file registro roghi ed abbandoni 2019.pdf 537.56 KB








Città di Casoria - P.zza Domenico Cirillo
Partita IVA 01505091213 - C.f. 80029310630
cookie Privacy
Sito web realizzato da PubblisitiWEB.it


Bussola della Trasparenza
Accesso civico
Wistleblowing - Segnalazione di illeciti